Company Profile

Vocazione internazionale, tecnologia, talento, velocità e cultura fanno parte del passato, del presente e del futuro di Pirelli.

Vocazione internazionale, tecnologia, talento, velocità e cultura fanno parte del passato, del presente e del futuro di Pirelli.

La nostra tecnologia consente al cliente di ottenere il massimo in termini di prestazioni e comfort dalla propria auto, la migliore esperienza di guida in tutte le condizioni: ciò è riassunto nel nostro slogan “La potenza è nulla senza controllo".

L'aspirazione a eccellere, una tecnologia d’avanguardia e una visione internazionale. Sono i valori che fin dalla sua fondazione, nel 19° secolo, hanno sempre guidato Pirelli. Design italiano, cultura e innovazione fanno parte del passato, del presente e del futuro di Pirelli. Oggi, quella stessa alchimia fra uomo, macchine e geografia permane: siamo convinti che la tecnologia e le persone siano essenziali per essere competitivi nel mercato mondiale. Il modello di business di Pirelli è fondato su un percorso che inizia con lo sviluppo di pneumatici per le case auto Premium: il canale primo equipaggiamento. Successivamente accompagnamo il cliente Premium nella sostituzione degli pneumatici per gli anni a venire, attraverso una rete di rivenditori specializzati e di concessionari auto: il canale ricambi. Le vendite di pneumatici alle case auto per il primo equipaggiamento rappresentano circa il 24% del fatturato Pirelli, mentre il restante 76% proviene dal canale ricambi. Case auto Premium e clienti Premium rappresentano i due poli di questo percorso e vengono in contatto grazie alla catena del valore Pirelli. La tecnologia Pirelli consente al cliente di ottenere il massimo in termini di prestazioni e comfort dalla propria auto, la migliore esperienza di guida in tutte le condizioni: ciò è riassunto nel nostro slogan “La potenza è nulla senza controllo.

Pirelli e il suo posizionamento sul mercato

Pirelli opera attraverso due divisioni: Consumer (pneumatici per auto e moto) e Industrial (pneumatici per veicoli commerciali, autobus e mezzi per l’agricoltura).
Pirelli opera attraverso due divisioni: Consumer (pneumatici per auto e moto) e Industrial (pneumatici per veicoli commerciali, autobus e mezzi per l’agricoltura).

Pirelli opera attraverso due divisioni: Consumer (pneumatici per auto e moto) e Industrial (pneumatici per veicoli commerciali, autobus e mezzi per l’agricoltura). La divisione Consumer rappresenta più di tre quarti del fatturato complessivo: oltre il 70% è ottenuto dalle vendite di pneumatici per auto e circa il 7% dalle vendite nel settore moto. La divisione Industrial produce il restante 23% del fatturato, suddiviso tra il 20% nel settore pneumatici per veicoli commerciali e il 3% nel settore mezzi per l’agricoltura.

Quello che ci distingue dagli altri produttori di pneumatici è la maggiore focalizzazione sul Premium. Un segmento di business dalle alte barriere tecnologiche, molto profittevole, resiliente e in crescita, specialmente nei mercati in rapido sviluppo. Il Premium rappresenta attualmente il 55% del fatturato Consumer di Pirelli e prevediamo raggiungerà il 60% a fine 2016.

I risultati di assoluta preminenza nella Ricerca e Sviluppo e la forza del nostro brand ci hanno permesso di instaurare rapporti di profonda collaborazione con le case automobilistiche Premium più importanti, tra cui Audi, Mercedes, BMW, Jaguar Land Rover e Volvo.

Il Gruppo ha un posizionamento ancora più consolidato nel segmento Prestige, con brand come Ferrari, Maserati, Lamborghini, Porsche, Bentley, Aston Martin e McLaren. La lunga collaborazione con le case automobilistiche Premium e Prestige ci ha portati a essere leader per numero e qualità di omologazioni, ovvero gli pneumatici sviluppati per l’equipaggiamento delle nuove vetture. Attualmente Pirelli ha un portafoglio di omologazioni di oltre 1.500 prodotti Premium.

Nel settore Moto siamo presenti con due marchi: Pirelli e Metzeler. Quest’ultimo è un marchio tedesco che Pirelli ha acquisito negli anni ʼ80. Entrambi hanno una significativa presenza nel segmento Premiun nei mercati maturi, quali Europa e Stati Uniti.

La divisione Industrial segue una strategia regionale che si fonda sul concetto di selettività: siamo leader in America Latina, Medio Oriente e Africa, e numero uno nel settore degli pneumatici per l’agricoltura in America Latina.

I risultati di assoluta preminenza nella Ricerca e Sviluppo e la forza del nostro brand ci hanno permesso di instaurare rapporti di profonda collaborazione con le case automobilistiche Premium più importanti, tra cui Audi, Mercedes, BMW, Jaguar Land Rover e Volvo.

Il patrimonio tecnologico di Pirelli

L’idea di innovazione nel prodotto ha sempre permeato la storia di Pirelli. Fondata a Milano nel 1872 da Giovanni Battista Pirelli, un ingegnere ventiquattrenne che fu tra i primi a comprendere il potenziale che la gomma avrebbe avuto a livello industriale, l’Azienda fece i suoi primi passi nel mercato producendo tessuti gommati, tubi e cinghie di trasmissione per macchinari.

L’idea di innovazione nel prodotto ha sempre permeato la storia di Pirelli.
Fondata a Milano nel 1872 da Giovanni Battista Pirelli, un ingegnere ventiquattrenne che fu tra i primi a comprendere il potenziale che la gomma avrebbe avuto a livello industriale, l’Azienda fece i suoi primi passi nel mercato producendo tessuti gommati, tubi e cinghie di trasmissione per macchinari. Determinata a partecipare ai processi di internazionalizzazione e di sviluppo tecnologico, Pirelli avviò la produzione di cavi sottomarini per telegrafia e, alla fine del 19° secolo, prese parte alla posa delle linee che solcavano il Mediterraneo. Il suo primo stabilimento di produzione al di fuori dell’Italia fu avviato in Spagna mentre il suo primo brevetto di pneumatico risale al 1901. La famosissima “P” lunga, ancora oggi logo del Gruppo, giunse infine nel 1908 a New York.

Sin dall’inizio della propria attività, Pirelli ha introdotto tecnologie d’avanguardia e il design dei suoi pneumatici è stato preso a modello da altri produttori. Nel 1930 fu presentato il primo pneumatico sportivo, il Superflex Stella Bianca, mentre il lancio degli pneumatici radiali risale al 1951.

I numerosi brevetti detenuti da Pirelli rafforzano le nostre ambizioni nei mercati Premium. La commercializzazione del PZero, avanzatissimo pneumatico ultra-ribassato a battistrada asimmetrico per le vetture più performanti, ebbe inizio nel 1987 e il Cinturato P7, il primo pneumatico ecologico ad alte prestazioni, è stato lanciato nel 2009.

Pirelli è il fornitore esclusivo di pneumatici per la Formula 1 per il secondo triennio consecutivo, iniziato nel 2014. È la massima sfida tecnologica, un’importante vetrina internazionale per i nostri prodotti e una delle 150 competizioni auto e moto in cui Pirelli è presente.

Pirelli nel mondo

Oggi la nostra estesa presenza a livello internazionale - siamo commercialmente presenti in oltre 160 Paesi - ci permette di cogliere al meglio le opportunità di crescita e ottimizzare la nostra struttura di costo

A fine 2014 Pirelli ha 37.500 dipendenti che operano in 160 paesi: in Europa (30%), in America Latina (37%), in Nord America (4%), in Asia Pacifico (11%), in Russia (9%) e MEAI (9%). I nostri 19 impianti hanno una capacità produttiva di 72 milioni di pezzi per la divisione Consumer e 6,3 milioni di pezzi per quella Industrial.

La produzione Industrial è interamente localizzata in regioni a costi industriali competitivi e a crescita elevata. Circa il 78% della produzione Consumer ha sede in queste stesse aree: un dato destinato ad aumentare all’80% entro il 2017, con l’espansione degli impianti in Russia, Messico, Romania e Cina.

L’elevata diversificazione geografica e la presenza in aree a maggiore crescita si riflette nella distribuzione dei ricavi del gruppo. Meno del 50% proviene dai mercati maturi: il 34% dall’Europa e il 12% dal Nord America. Nelle economie a rapido sviluppo, il 4% dei ricavi proviene dalla Russia, il 33% dall’America Latina, l’8% dal Medio Oriente e Africa e il 9% dall’area Asia-Pacifico.

Pirelli ha oggi 37.500 dipendenti
che operano in 160 paesi.

Considerata la portata del business a livello globale, la nostra strategia si integra pienamente con obbiettivi ambientali e sociali. Il processo di creazione di valore per tutti gli stakeholder prevede l’interazione tra capitali: da quello finanziario e produttivo a quello intellettuale e umano, naturale, sociale e relazionale.

Questo impegno è testimoniato dall’inclusione di Pirelli nei più importanti indici di sostenibilità a livello mondiale, quali il Dow Jones Sustainability Index, dove il gruppo è leader dell’ ATX Auto Components da 8 anni, il FTSE4Good Index in cui, nell’esercizio 2014, ha ottenuto una valutazione di 100/100 e il Climate Disclosure Leadership Index, dove ha superato tutti i competitor.

Dal 2004 Pirelli è membro attivo del Global Compact delle Nazioni Unite ed è membro del Global Compact Lead Steering Committee.

Pirelli e l’arte

Il posizionamento di Pirelli nel mercato deriva anche da numerose attività create a supporto del brand, dal Calendario alla Fondazione Pirelli, da HangarBicocca a PZero Design.

La Fondazione Pirelli, nata nel 2009 per volontà del Gruppo e della famiglia Pirelli, custodisce e valorizza il patrimonio storico dell’azienda e promuove la cultura d’impresa attraverso attività espositive, convegni e iniziative di collaborazione con altre istituzioni culturali. L’HangarBicocca è uno spazio espositivo di 15.000 metri quadrati, dedicato all’arte contemporanea e ubicato nei pressi dell'headquarter di Milano. Crediamo che l’arte contemporanea sia una fonte di continua innovazione.

Il Calendario Pirelli, giunto al suo 51° anno di esistenza, è stato firmato da alcuni fra i più grandi fotografi al livello mondiale quali: Stephen Meisel, Steve McCurry, Patrick Demarchelier, Richard Avedon, Peter Lindbergh, Annie Leibovitz. Icone della moda e dello spettacolo, come Naomi Campbell, Jennifer Lopez, Sophia Loren and Kate Moss sono solo alcune delle modelle che hanno posato per il Calendario. Il marchio PZero, progetto di design del Gruppo, contribuisce a valorizzare il nostro patrimonio e il nostro Core Business.

Internazionalizzazione, leadership tecnologica, talento, velocità, responsabilità e cultura sono i valori che hanno contraddistinto il nostro passato, che rappresentano il presente e che caratterizzano il futuro di Pirelli. Continueremo a guidare il talento dei singoli e la loro energia di pari passo con gli sviluppi della scienza, dell’informazione e del design perché si possano raggiungere risultati sempre migliori. Tutto ciò significa sviluppare e impiegare nuove tecnologie, essere creatori di tendenze e proseguire nel nostro impegno di sostenibilità e governance.

Internazionalizzazione, leadership tecnologica, talento, velocità, responsabilità e cultura sono i valori che hanno contraddistinto il nostro passato, che rappresentano il presente e che caratterizzeranno il futuro di Pirelli.
Condividi questa pagina

Copyright © 2015 Pirelli & C. S.p.A. - Pirelli Tyre S.p.A. - P.IVA: 07211330159