Lettera del Presidente

Chiudi
Lettera
del
Presidente

 

Il 2014 è stato un anno positivo per Pirelli. I numeri dimostrano che, nonostante una congiuntura economica complessa, siamo riusciti a capitalizzare quanto fatto negli ultimi anni per continuare a migliorare i nostri processi e i nostri prodotti, in particolare nel Premium e Super Premium su cui si focalizza il nostro impegno. Nel segmento Prestige abbiamo oggi una quota di mercato globale che nel Primo Equipaggiamento si avvicina al 50%, con una crescita straordinaria rispetto al 36% del 2011, mentre nei prodotti Premium la nostra quota in Europa, dove si concentra tale segmento, sfiora il 20% rispetto al 14% a cui ci attestavamo solo 4 anni fa. È il risultato di un continuo sforzo, riconosciuto dal mercato, nel cercare di anticipare le esigenze dei consumatori e delle case auto nostre partner, offrendo loro pneumatici a contenuto tecnologico sempre più elevato e costantemente in linea con l’evoluzione della domanda. Un risultato reso possibile grazie al continuo miglioramento delle nostre fabbriche, sempre più efficienti in termini di processi, orientate verso una logica di creazione di ‘valore’, vicine ai propri mercati di riferimento. Questo anche grazie allo sviluppo di reti commerciali capillari, che continuano ad alimentare il dialogo diretto con il mercato cogliendone le aspettative.

Anche il dialogo con gli investitori è stato costante, trasparente, aperto. Un dialogo di cui fa parte anche il nuovo “Integrated Report”: un solo volume che attraverso un racconto unitario e integrato descrive un anno di storia aziendale fornendo una rappresentazione dell’intero processo di creazione del valore. Il bilancio 2014 documenta il primo esercizio di esecuzione del Piano Industriale 2014-2017. In un anno che ha visto nuovamente uno scenario economico volatile abbiamo saputo affrontare le difficoltà dettate dall’economia globale centrando gli obiettivi che ci eravamo prefissati: vendite superiori a 6 miliardi di euro, un margine operativo lordo in crescita del 6,7% a oltre 1,1 miliardi di euro, un ulteriore aumento della redditività, che ha raggiunto il 13,9% dal 12,9% dell’esercizio precedente, e un ritorno sugli investimenti cresciuto al 22% dal 20% del 2013. Grazie al programma di investimenti selettivi, alle efficienze e alla solida performance operativa, la generazione di cassa - prima della distribuzione dei dividendi e della cessione dello Steelcord - è stata pari a 312 milioni di euro, pari al 5,2% dei ricavi rispetto al 3,8% nel 2013.

In un mondo in costante cambiamento continueremo a puntare fortemente sulla tecnologia mantenendo gli investiment in Ricerca & Sviluppo pari al 7% delle vendite Premium. La tecnologia continuerà infatti a essere il nostro elemento distintivo e di eccellenza nell’arena competitiva dell’industria tyre. Anche per questo, alla Direzione Generale ‘Operations’ già costituita nel 2013, abbiamo affiancato nel 2014 una Direzione Generale ‘Technology’ a presidio di tutte le funzioni direttamente coinvolte nello sviluppo di un prodotto sempre più sofisticato ed evoluto. Lo sviluppo del ‘Cyber Tyre’, i risultati nella Formula 1, di cui siamo fornitori esclusivi, e i successi nelle numerose competizioni di Motorsport di cui Pirelli è parte sono prove evidenti della capacità dei nostri tecnici.

Continueremo a dare centralità alle persone che lavorano in Pirelli, per valorizzarne il talento. E manterremo centrale lo sviluppo sostenbile, che è priorità per tutti i cittadini del mondo, attraverso un Piano di Sostenbilità che anche nel 2014 ci ha mantenuto ai vertici delle più autorevoli classifiche del settore.Non mancheremo di porci nuovi traguardi per assicurare un solido futuro alla nostra azienda.

A tutti i nostri Stakeholder, ancora una volta grazie.

Il Presidente e Ceo
Marco Tronchetti Provera