Iniziative aziendali a favore della comunità esterna

Come precisato nel “Codice Etico” di Gruppo, Pirelli fornisce sostegno a iniziative sociali, culturali ed educative orientate alla promozione della persona e al miglioramento delle sue condizioni di vita. L’Azienda non eroga contributi, vantaggi o altre utilità ai partiti politici e alle organizzazioni sindacali dei lavoratori, né a loro rappresentanti o candidati, fermo il rispetto della normativa eventualmente applicabile.

Fin dalla fondazione, nel 1872, Pirelli è consapevole di sostenere un ruolo importante nella promozione del progresso civile in tutte le comunità in cui opera e, capitalizzando sui punti di forza naturale dell’Azienda, ha individuato tre aree di focalizzazione: la sicurezza stradale, la formazione tecnica, la solidarietà attraverso attività sportive per i più giovani.

Pirelli ha da anni adottato una procedura interna volta a disciplinare l’erogazione di liberalità e contributi alla Comunità Esterna da parte di società del Gruppo, con riferimento ai ruoli e responsabilità delle funzioni coinvolte, al processo operativo di pianificazione, realizzazione, monitoraggio delle iniziative, nonché all’informativa sulle stesse.

Nell’individuazione degli interventi più rispondenti alle esigenze locali, un supporto essenziale viene dal dialogo con le ONG che operano localmente. Viene data priorità a quelle iniziative i cui effetti positivi sulla Comunità Esterna siano tangibili e misurabili secondo criteri oggettivi.

La procedura interna precisa, inoltre, che non possono essere promosse iniziative a favore di beneficiari per i quali si abbia evidenza diretta o indiretta di mancato rispetto dei diritti dell’uomo, dei lavoratori, dell’ambiente, dell’etica di business.

Sicurezza stradale

In tutto il mondo Pirelli è sinonimo, oltre che di alte prestazioni, di sicurezza. La sicurezza stradale è, con la salvaguardia dell’ambiente, l’elemento cardine della strategia Green Performance a cui si ispirano le scelte industriali e commerciali del Gruppo. L’impegno di Pirelli nella sicurezza stradale passa attraverso numerose attività di formazione e informazione ma, soprattutto, si traduce nella ricerca e applicazione continua di soluzioni tecnologiche innovative a favore della mobilità sostenibile.

Pirelli è particolarmente attiva nel raggiungimento degli obiettivi di riduzione degli incidenti stradali posti dalla Commissione Europea attraverso la Carta Europea per la Sicurezza Stradale (European Road Safety Charter), di cui è sottoscrittrice con i seguenti impegni:

  • contribuire alla conoscenza dei consumatori circa gli elementi fondamentali di sicurezza stradale, attraverso esperienza e corsi di guida sicura;
  • accrescere la consapevolezza dei giovani guidatori sulle cause degli incidenti stradali, attraverso iniziative specifiche che nel 2014 hanno riguardato, ad esempio: in Francia, la prosecuzione di un progetto pilota, in collaborazione con le Università, a cui hanno partecipato 40.000 ragazzi assistendo a crash test dimostrativi; in Turchia, la continuazione di un corso online sulla sicurezza stradale e l’importanza dello pneumatico, che ha coinvolto dal 2012 ad oggi 12.000 studenti; in Cina, campagne di digital marketing, che hanno interessato 230.000 utenti, con un messaggio sulla sicurezza legato all’importanza della scelta degli pneumatici giusti per i diversi utilizzi;
  • rendere disponibile presso i punti vendita materiale informativo sulla sicurezza stradale in inverno, con il supporto del sito Pirelli (potenzialità di raggiungimento di 9 milioni di utenti nel mondo in un anno) e di siti dedicati alla informazione sulle ordinanze invernali;
  • organizzare seminari formativi in collaborazione con associazioni, su tematiche di sicurezza stradale connesse allo pneumatico e al relativo uso (Spagna);
  • formare i dealer a livello internazionale sull’importanza dello pneumatico nella sicurezza stradale e sulle differenze di performance tra pneumatico invernale ed estivo; l’attività è in corso da due anni ed ha coinvolto la maggior parte dei paesi in cui Pirelli ha una presenza diretta;
  • partecipare attivamente ai programmi nazionali sulla sicurezza stradale, in accordo con associazioni, istituzioni, Università (in Turchia), produttori di auto e moto o, come ad esempio in Italia, collaborando con le forze dell’ordine per la predisposizione di un modulo utile alla rilevazione dello stato di utilizzo degli pneumatici.

In Italia, Pirelli ha sviluppato un piano di formazione sul territorio dedicato ai dealer, con focus sulla sicurezza e sulle differenze di performance tra pneumatici estivi, invernali ed allseason (70 training rivolti a tutti i canali di vendita). L’Azienda si è occupata anche della definizione dei test summer/winter in ambito Assogomma e ha partecipato attivamente alle prove stradali con il coinvolgimento di enti statali, giornalisti e specialisti del settore automotive. Infine, Pirelli ha creato un sito dedicato che riporta gli aggiornamenti sulle ordinanze invernali sul territorio italiano (www.ordinanzeinvernali.it).

In Romania, Pirelli ha varato un programma di formazione sulla sicurezza stradale a livello di liceo. In Turchia ha lanciato, in collaborazione con Dogus Automotive, un ampio progetto di e-learning sulla sicurezza stradale a livello universitario denominato “Traffic is Life – Traffic Safety”: il corso, utile per crediti universitari, è stato introdotto in dieci Università e selezionato da circa 12.000 studenti.

In Brasile è stato lanciato il programma “Ciclovias Amigas” per aumentare la consapevolezza sui temi della regolamentazione del traffico e della sicurezza stradale, attraverso rappresentazioni teatrali per ragazzi delle scuole pubbliche e di alcuni istituti scolastici più disagiati.

In Russia, Pirelli ha promosso un movimento a favore della “guida gentile” ed ha organizzato a Kirov, in collaborazione con la locale polizia del traffico e con il giornale Autograph, una competizione fra 300 guidatori basata sulle regole di buona guida, con premiazione nella piazza centrale della città davanti ad un pubblico di oltre 1.000 persone. Nella piazza centrale di Kirov, più volte nell’anno Pirelli ha organizzato anche un parco giochi con piccole automobili elettriche, che ha coinvolto circa 500 bambini e i loro genitori nell’apprendimento delle regole del traffico. Sempre in Russia, a Voronezh, Pirelli ha organizzato un seminario per i responsabili delle scuole guida, in collaborazione con la Polizia Stradale regionale.

In Messico, Pirelli partecipa all’iniziativa “Pilotos por la Seguridad Vial,” un progetto per la diffusione della cultura della sicurezza attraverso educazione, testimonianze di piloti professionisti, monitoraggio e ricerca. Nel 2015, anno in cui la Formula 1 ritorna in Messico, Pirelli lancerà un programma educativo sulla sicurezza stradale legato all’utilizzo di simulatori di guida F1.

In Francia, Pirelli collabora con il pilota Pascal Dragotto in un’iniziativa di crash test per insegnare i rischi della guida al pubblico e, in particolare, agli studenti nelle scuole. Il pilota ha portato il suo spettacolo a 150 scuole e Università francesi, con un pubblico di circa 400 studenti per ogni spettacolo.

In Cina, come in altri paesi del mondo, Pirelli ha utilizzato i social media per lanciare comunicazioni importanti sulla sicurezza stradale e sulla cura degli pneumatici.

In molti paesi del mondo Pirelli collabora inoltre con le case automobilistiche in varie attività di formazione alla guida.

In merito al trasporto pesante, nel 2014 Pirelli Truck ha dato continuità alle attività già intraprese negli anni precedenti, dedicate alla mobilità sostenibile e alla sicurezza stradale.

Importante il rilascio sul sito Pirelli.com del tutorial del sistema CyberFleet, che offre ai gestori delle flotte la possibilità di quantificare i vantaggi di una corretta misurazione della pressione e temperatura degli pneumatici in termini di regolarità di usura, risparmio di carburante e sicurezza stradale. Parallelamente, nel corso dell’anno sono stati organizzati a livello europeo incontri con le flotte ed i dealer, finalizzati alla sensibilizzazione sul tema sostenibilità nel trasporto merci, attraverso l’introduzione di tool per il monitoraggio pressione pneumatici (sistemi Cyber e FleetCheck).

Molteplici le iniziative a favore dell’educazione alla sicurezza stradale anche da parte della Business Unit Moto di Pirelli, che nel 2014 ha proseguito la collaborazione con scuole guida per lo sviluppo dell’esperienza pratica e sicura su strada e fuori strada. Infine, meritano menzione ulteriori collaborazioni: in Germania, con Action Team, ADAC – Ressort Motorsport, BMW Motorrad Enduro Park Hechlingen, BMW Motorrad Race Academy; nel Regno Unito, con BMW Motorrad Off Road Skills; in Francia, con ZEBRA, EASYMONNERET, H2S; in Spagna, con BMW Motorrad Enduropark Aras Rural; in Italia, con BMW Motorrad GS Academy.   

Formazione

La promozione dell’istruzione e della formazione tecnica costituiscono antichi valori insiti nella storia di Pirelli.

Il Gruppo continua a beneficiare della cooperazione tecnica e di ricerca con varie Università nel mondo, a partire dalle Università Politecnico di Milano e di Torino, ma anche l’Università dello Shandong in Cina e l’Università di Craiova in Romania, fra le tante altre. La formazione tecnica è particolarmente importante per Pirelli anche, ma non solo, per creare il bacino di skilled labor necessario per massimizzare la produttività degli impianti.

In Egitto Pirelli ha portato avanti un importante progetto con Al Amreya Industrial Secondary School: dopo essersi occupata negli anni scorsi del rinnovo totale della struttura, dalla fognatura alle aule, Pirelli ha continuato con la formazione di tre classi di studenti nella specializzazione di manutenzione meccanica.

In Turchia ci sono ampi programmi di insegnamento da parte di esperti volontari di Pirelli nelle scuole tecniche e nelle Università, oltre alla sponsorizzazione della Turk Pirelli Primary School e alla Turk Pirelli High School con sostegno a interventi di manutenzione.

In Brasile, Pirelli sostiene Educandario Imaculado Coracao de Maria Amelia Rodrigues, una scuola per l’istruzione di base gestita da suore italiane con 1.200 bambini, e sponsorizza un progetto sociale per la formazione informatica di studenti nelle ore dopo scuola. In Argentina, la fabbrica di Merlo ospita studenti per progetti di formazione tecnica.

A Yanzhou, in Cina, Pirelli ha attivo un programma di stage: alcuni studenti selezionati dalle Università con le quali Pirelli collabora, partecipano ad attività di formazione in fabbrica nelle aree di prodotto, qualità, sicurezza e ricerca. Ancora in Cina, Pirelli ha stretto un accordo con l’Università di Qingdao per Scienze e Tecnologia, che prevede 25 borse di studio per studenti eccellenti. Attraverso un’associazione italo-cinese, Pirelli ha offerto la propria conoscenza in tema di percorsi di carriera anche all’Università Shanghai Fudan.

In Romania, Pirelli ha una collaborazione con l’Università di Craiova che spazia su diversi fronti, fra cui un nuovo progetto pilota per creare percorsi tecnici professionali in vari licei nella zona, coinvolgendo attivamente gli studenti in piani di formazione direttamente nella fabbrica. Oltre ad insegnare le competenze meccaniche, Pirelli ha svolto nell’anno in tre diverse Università vari workshop su: materiali, qualità manifatturiera e informatica. Sempre in Romania, il programma “Train Yourself for Success” ha coinvolto nell’anno 79 studenti dell’Alexe Marin College e altri 39 del Metalurgic College di Slatina. La formazione era focalizzata sulle competenze elettriche e meccaniche richieste nel processo produttivo in fabbrica, con moduli anche su Sanità, Sicurezza e Ambiente e risoluzione dei problemi. Il corso ha diplomato 40 studenti e 25 sono stati selezionati per un apprendistato estivo in Pirelli, che li mette in lista prioritaria per nuove assunzioni.

Nel Regno Unito, Pirelli prosegue nell’organizzazione di percorsi di apprendistato, nella collaborazione con istituti tecnici locali e nelle sponsorizzazione di fiere per la carriera, mentre in Spagna promuove la ricerca con una premiazione. In Russia è in atto una collaborazione con l’Università di Ingegneria Tecnologica di Voronezh, con un programma di lezioni dedicate all’ingegneria chimica degli elastomeri, alla meccanica e all’ingegneria ecologica. Nel 2014 il programma ha coinvolto circa 200 studenti e 5 talenti sono stati selezionati per l’assunzione in fabbrica. A Kirov, 20 studenti dell’Università Vyatka hanno svolto degli stage pratici nella fabbrica Pirelli, che ha anche aperto le porte a visite da parte delle scuole.   

Sport e responsabilità sociale

C’è un legame preferenziale tra solidarietà e sport, un circolo virtuoso in cui l’impegno nelle attività sportive diventa sinonimo di impegno nella diffusione di una socialità solidale ed etica, soprattutto tra i giovani. Impegnare i giovani nello sport è un modo per insegnare il concetto di integrazione a bambini di classi sociali diverse, lavorando alla prevenzione di situazioni negative come l’isolamento e la solitudine.

Pirelli ha stretto un accordo globale non solo per la sponsorizzazione della società calcistica professionale FC Internazionale Milano (“Inter”), ma anche come partner del progetto sociale globale Inter Campus. Dal 1997 Inter Campus realizza interventi sociali e di cooperazione flessibili e a lungo termine in 29 paesi del mondo, con il supporto di 200 operatori locali, utilizzando il gioco del calcio come strumento educativo per restituire a bambine e bambini bisognosi tra i 6 e i 13 anni di età il diritto al gioco.

In Romania, dal 2008, Inter, Pirelli e Comunità Nuova gestiscono il progetto sociale Inter Campus a Slatina. Le attività sportive e ricreative sono organizzate per l’intero anno, coinvolgendo oltre 80 bambini che provengono da diversi ambienti sociali e che da più di due anni apprendono, attraverso il calcio, lo spirito di squadra, l’integrazione nella società e i valori dell’amicizia. Dal 2012 Pirelli e Inter hanno replicato l’esperienza Inter Campus anche in Messico: l’Inter Campus Silao, vicino alla fabbrica Pirelli, inaugurato dal Presidente Felipe Calderon, coinvolge circa 150 bambini dell’area. Negli Stati Uniti il primo Inter Campus è stato inaugurato nel 2014 da Pirelli e Inter insieme alla Fondazione Youri Djorkaeff. Il Campus si trova nella comunità di Inwood, frazione di New York City, ed è frequentato da più di 120 bambini. Sempre nel 2014, Pirelli e Inter hanno inaugurato insieme un progetto Inter Campus a Voronezh, in Russia, coinvolgendo due orfanotrofi locali: a maggio è stata completata la costruzione del campo di calcio e 100 maglie sono state distribuite ai bambini.

In Argentina la società ha sponsorizzato la Pirelli Cup 2014, un importante torneo di calcio estivo nazionale. Pirelli sponsorizza anche il baseball in Venezuela con la Pirelli Baseball School, scuola con oltre 300 iscritti fra bambini e adolescenti; pallacanestro, pallavolo, calcio, corsa e ciclismo in Brasile; e pallacanestro in Spagna, solo per nominarne alcuni.

Negli Stati Uniti Pirelli ha sponsorizzato la squadra locale Rome Braves in Georgia, oltre a vari eventi sportivi legati alla filantropia, in particolare con una donazione a R.A.C.E. (Racing Awareness Charity Events of Rome).

Nel Regno Unito Pirelli ha organizzato con grande successo un rally a Carlisle per la fondazione Richard Burns che aiuta la ricerca medica, oltre ad un torneo calcistico con donazioni per un ospizio locale; ha inoltre sponsorizzato vari eventi sportivi legati al fundraising filantropico.

A Kirov, in Russia, oltre a sponsorizzare il club di hockey sul ghiaccio Soyuz per 50 ragazzi intorno ai 10-12 anni, Pirelli ha organizzato un torneo di questa specialità sportiva, promuovendo il “vivere sano”: hanno partecipato 6 squadre giovanili e 4 squadre locali di adulti per un totale di 240 persone. A Kirov, Pirelli ha anche dato supporto ad un rally automobilistico locale a cui hanno partecipato 140 piloti.

In Egitto, è stato avviato un progetto filantropico di costruzione di un centro sportivo per i giovani, su un terreno di 3.000 metri quadri donato dal Ministero per la Gioventù. Il centro sarà la sede di tante attività, fra cui la Pirelli League Cup, un torneo sportivo semi-annuale.     

Solidarietà

L’approccio responsabile di Pirelli di coinvolgimento e inclusione si declina in attività di solidarietà sociale in tutto il mondo.

L’Azienda supporta iniziative educative e didattiche che possono dare ai bambini meno abbienti gli strumenti per migliorare la loro condizione; contribuisce a borse di studio e progetti di ricerca, credendo fermamente nella formazione come chiave per la crescita individuale e per la crescita economica di un paese.

In Brasile, dove Pirelli è storicamente attiva nella comunità locale con progetti sociali, la società ha provveduto a circa 450 bambini nella città di Feira de Santana, vicino alla fabbrica Pirelli, in un programma dopo-scuola con 15 tipi di attività diverse. Ci sono progetti simili vicino alle fabbriche di Gravatai e Sumaré, che mirano all’inclusione sociale e comprendono attività di musica e danza oltre a quelle didattiche più tradizionali. Nei pressi di San Paolo, nelle aree di Campinas e Elias Fausto, è continuato il sostegno al Projeto Guri, un progetto per l’insegnamento di strumenti musicali e canto a 477 bambini delle classi sociali più povere.

Ancora in Brasile, Pirelli sostiene gli asili nido Dr. Klaide a Santo André e Escadinha do Tempo a Meleiros, che assicurano a 200 bambini non solo attività pedagogiche ma anche visite mediche, dentistiche e psicologiche, oltre all’alimentazione. Dal 2013 viene dato sostegno al Centro de Convivência Santa Dorotéia a Grajaú, che organizza in particolare corsi di informatica combinati con sensibilizzazione antidroga.

Nel 2014 una nuova attività di sponsorizzazione ha riguardato un programma radiofonico e televisivo condotto da un ipovedente, il professor Roberto Bolonhini, che sensibilizza un pubblico di un milione e mezzo di persone sui temi dei disabili e dei diritti dei consumatori.

In Spagna, Pirelli sostiene la Fundació Mambré, una fondazione che lavora come facilitatore nei processi di inclusione sociale, sostenendo i senza tetto nel loro cammino individuale di crescita. Inoltre, l’Azienda sostiene programmi di fornitura di cibo per le famiglie bisognose e presta un magazzino per lo stoccaggio di cibo per i poveri.

In Cina Pirelli è attenta a supportare con donazioni di alimenti e denaro le famiglie più povere della comunità. In Russia, i dipendenti della fabbrica di Kirov hanno dato sostegno a un orfanotrofio, organizzando attività e doni per i bambini.

In Turchia, Pirelli continua a sostenere la Fondazione per la Formazione e Protezione di Bambini Mentalmente Disabili (ZİÇEV), che si occupa di 95 bambini, offrendo una somma che copre la fornitura del gas per il riscaldamento dell’edificio. A maggio 2014, a seguito del grave incidente nella miniera a Soma, in Turchia, Pirelli ha donato fondi per le spese scolastiche dei figli dei 301 minatori che hanno perso la vita. Sempre in Turchia, Pirelli sostiene un progetto di ippoterapia per bambini mentalmente disabili e fa donazioni di capi d’abbigliamento e alimentazione per le persone economicamente disagiate.    

Salute

Per Pirelli è importante dare un contributo al miglioramento dei servizi sanitari nelle comunità in cui opera.

Dal 2008 Pirelli Tyres Romania, in collaborazione con l’Ospedale Niguarda di Milano, sostiene la formazione di medici e infermieri e la donazione di attrezzature e apparecchi medici all’Ospedale di Slatina. Oltre 250 professionisti sono stati formati nell’ambito del progetto, in particolare nelle aree di oncologia, cura pediatrica e pronto soccorso. Pirelli Tyres Romania ha anche pensato alla cura dei denti di circa 200 bambini a Slatina con il progetto Overland for Smile.

Nel Regno Unito le attività filantropiche di Pirelli nel campo della salute includono sponsorizzazioni, raccolte di fondi e donazioni a favore della ricerca e della cura medica, oltre che per la costruzione di una sala giochi in un ospizio pediatrico. In Spagna, Pirelli ha fatto una donazione per un’importante attrezzatura ospedaliera, mentre in Turchia si è occupata di formazione delle famiglie dei dipendenti nel pronto intervento.

Negli Stati Uniti è stata fatta una donazione per la ricerca sulla leucemia. In Brasile, dal 2010 Pirelli sostiene l’Hospital Pequeno Principe a Curitiba, l’ospedale pediatrico più grande del paese. In Argentina viene sponsorizzata una maratona a sostegno di bambini malati, che nell’ultima edizione ha visto più di 1.500 partecipanti. Ugualmente a Mosca, Pirelli ha sponsorizzato una maratona sempre per la cura dei bambini malati.      

Iniziative a sostegno dell’ambiente

Molti dipendenti di Pirelli nel mondo partecipano ogni anno con entusiasmo a progetti a favore dell’ambiente.

In Egitto è stata promossa una competizione per le idee migliori sul riciclaggio di materiali di scarto della fabbrica (pezzi di legno, materiali da costruzione, ecc.): hanno partecipato sei squadre, divise fra due villaggi locali, che riutilizzando i materiali selezionati hanno ristrutturato un’area all’interno di un asilo.

Progetti ambientali di fabbrica di questo tipo sono stati organizzati anche in Turchia. In Venezuela, anche nel 2014 Pirelli ha organizzato un grande gruppo di volontari per ripulire spiagge e aree pubbliche limitrofe. In Romania, più di 100 volontari sono stati coinvolti in attività di pulizia di zone degradate e ripristino della natura nella foresta di Strehareti, nei pressi dello stabilimento Pirelli di Slatina, e circa 100 dipendenti della fabbrica hanno piantato 80 alberi nella zona.

In Cina, i Pirelliani si sono impegnati nel piantare alberi nell’ambito del progetto “Friendship Forest”. In Messico è continuato l’impegno con il Governo dello Stato di Guanajuato per un progetto di riforestazione.

A Voronezh in Russia, oltre ad aver partecipato alla giornata mondiale del riciclaggio, Pirelli ha acquistato e piantato 5.000 piccole querce.      

Cultura e valore sociale

L’internazionalità di Pirelli emerge anche dall’amore per la cultura, con iniziative che anche nel 2014 hanno trovato spazio in molti paesi nel mondo. L’attenzione alla cultura, e ancor più l’impegno per preservarla, diffonderla e accrescerla, fanno parte del DNA della creazione di valore sociale.

Pirelli è fra gli sponsor del Museo di Arte Moderna di San Paolo, una delle strutture più importanti dell’America Latina che, accanto alla collezione permanente, propone ogni anno importanti mostre, seminari, eventi e corsi. Sempre in Brasile, Pirelli ha sostenuto la mostra Made in Brazil, la mostra sul restauro della scultura Fonte das Nanas e la mostra dell’artista portoghese Joana Vasconcelos.

Nel campo della musica, Pirelli sponsorizza il progetto Mozarteum, che presenta grandi orchestre internazionali di musica classica sia in Brasile che in Argentina; in Brasile sponsorizza inoltre un festival di musica corale e il musical “Os Boêmios de Adoniran”.

In molti paesi Pirelli porta avanti, come multinazionale italiana, una missione di salvaguardia e diffusione della cultura italiana all’estero. Tra i progetti che hanno avuto luogo nel 2014 figurano eventi dedicati al teatro, al cinema e al canto italiano che hanno avuto luogo rispettivamente in Romania, nel Regno Unito e in Argentina. In quest’ultimo paese Pirelli è inoltre sponsor del Premio Lucio Fontana, giunto nel 2014 alla sua 3a edizione, promosso dal Consolato Generale d’Italia di Buenos Aires e riservato ad artisti emergenti di origini italiane residenti in Argentina.

Pirelli è molto attenta anche alla conservazione delle culture locali. In Cina sostiene la ricerca sul confucianesimo supportando il China Confucius Website. Negli Stati Uniti, a Rome (Georgia), sede di una fabbrica Pirelli, viene sponsorizzato il Rome Area Council for the Arts. In Turchia è stato sponsorizzato un importante concerto della Fondazione Cultura e Arte di Istanbul. In Russia, due sponsorizzazioni Pirelli hanno riguardato rispettivamente un festival sui Media a Kirov e un ballo di beneficienza a Voronezh.

In Brasile, Pirelli si è occupata del restauro della statua del Cristo Redentore, a Rio de Janeiro, che nel 2014 ha subito danni alla mano destra a causa di un fulmine.       

Fondazione Pirelli

La Fondazione Pirelli, costituita nel 2009, annovera tra i suoi obiettivi la salvaguardia del patrimonio storico e culturale del Gruppo e la promozione della sua cultura d’impresa, attraverso iniziative sul territorio e progetti dal forte impatto sociale, attività espositive e collaborazioni con altre istituzioni culturali.

Molteplici, anche nel 2014, i progetti volti a valorizzare e promuovere il patrimonio archivistico Pirelli. Fra questi si segnalano in particolare:

  • Piattaforma digitale di gestione documentale per il trattamento scientifico dei dati inventariali dell’Archivio storico, secondo gli standard internazionali di catalogazione; nel 2015 il sito verrà reso disponibile anche in versione in lingua inglese.
  • “Pirelli: un racconto di inverno”, percorso allestitivo dedicato agli pneumatici invernali attraverso fotografie, pubblicità e filmati degli anni ’50 e ’60 di grandi artisti come E. Scopinich, A. Mendini, B. Noorda e i disegni tecnici (recuperati e ricondizionati) che hanno guidato la progettazione degli pneumatici Pirelli negli anni ’80 e ’90.
  • Partecipazione alla “Settimana della Cultura d’Impresa 2014” promossa da Confindustria, con due iniziative volte a valorizzare i luoghi storici di Pirelli e il suo patrimonio culturale: “Una notte al Museo”, presso la Fondazione, e visite guidate alla Bicocca degli Arcimboldi e all’ex torre di raffreddamento oggi racchiusa nell’headquarter Pirelli; alle iniziative hanno preso parte più di 600 persone.
  • Volume “Una musa tra le ruote. Pirelli: un secolo di arte a servizio del prodotto”, in pubblicazione nel 2015, che ripercorre la storia della comunicazione Pirelli dal 1872 al 1972 attraverso 200 opere realizzate da grandi artisti, quali A. Testa, B. Munari, R. Manzi, B. Noorda, E. Bonini per pubblicizzare i prodotti Pirelli.
  • Progetto “Fondazione Pirelli Educational” rivolto agli studenti con l’obiettivo di avvicinare i più giovani al mondo del lavoro e ai valori su cui si basa la cultura d’impresa Pirelli. Nel 2014 l’offerta di percorsi didattici e creativi è stata notevolmente ampliata: alle diverse tematiche già trattate come la storia e la tecnologia dello pneumatico, la grafica e la pubblicità, la trasformazione urbanistica, ne sono state affiancate di nuove come la fotografia e il cinema d’impresa, l’organizzazione del lavoro all’interno di una fabbrica, il viaggio, l’arte. Hanno aderito al progetto circa 55 classi, per un totale di oltre 1.200 bambini e ragazzi.
  • Progetto “Bambini in Bicocca”, per il secondo anno consecutivo la Fondazione ha collaborato al progetto con la Direzione Risorse Umane di Pirelli, ideando percorsi didattici e formativi rivolti ai figli dei dipendenti accolti in Azienda durante i giorni di pausa scolastica. I bambini hanno avuto l’opportunità di conoscere i luoghi di lavoro dei propri genitori, di visitare l’Archivio Storico Pirelli e di avvicinarsi al mondo della musica sotto la guida del maestro Salvatore Accardo. Il progetto ha coinvolto per 7 giorni più di 200 bambini di età compresa tra i 6 e i 10 anni.
  • Attività didattiche per gli studenti universitari (circa 200) provenienti dai maggiori Atenei e scuole di specializzazione, supporto ai laureandi per la redazione delle tesi di laurea.
  • Progetto di “restyling” del nuovo dipartimento pediatrico dell’Ospedale Niguarda, a cui la Fondazione ha partecipato mettendo a disposizione degli studenti della NABA (Nuova Accademia di Belle Arti di Milano) il proprio patrimonio iconografico, che verrà utilizzato per la ridefinizione degli elementi decorativi e della segnaletica all’interno del nuovo reparto dell’Ospedale.

Dal 2010 inoltre la Fondazione è nel Consiglio di Amministrazione della Scuola dell’Infanzia G.B. Pirelli di Varenna, in provincia di Lecco, così come è attiva nel sostenere le attività dell’Istituto di Istruzione Superiore Leopoldo Pirelli di Roma, dove è stato istituito nel 2011 l’annuale Premio Leopoldo Pirelli, destinato a borse di studio per studenti particolarmente meritevoli. Continua anche la collaborazione con la Fondazione Agnelli e la Fondazione Garrone nell’Associazione per la Formazione d’Eccellenza.

Nel corso del 2014 hanno visitato i locali della Fondazione ed effettuato ricerche presso l’Archivio Storico Pirelli circa 5.000 persone tra ricercatori, studenti, storici e designer. La Fondazione ha inoltre prestato circa 1.500 materiali del proprio archivio per mostre e pubblicazioni, anche a livello internazionale.

La valorizzazione e la promozione dell’enorme patrimonio artistico del Gruppo passano anche attraverso la comunicazione digitale. Oltre al sito web www.fondazionepirelli.org, implementato della sezione Educational, la Fondazione alimenta costantemente la propria pagina Facebook e la pagina Pinterest.    

Hangarbicocca

HangarBicocca, che con i suoi 15.000 metri quadrati è una delle sedi espositive più grandi d’Europa, è uno spazio dedicato alla produzione, esposizione e promozione dell’arte contemporanea, nato nel 2004 dalla riconversione di un vasto stabilimento industriale appartenuto all’Ansaldo-Breda. La programmazione di mostre personali dei più importanti artisti internazionali si distingue per il carattere di ricerca e sperimentazione e per la particolare attenzione a progetti site-specific in grado di dialogare con le caratteristiche uniche dello spazio. Il progetto è stato rilanciato nel 2012 con la convinzione che l’arte contemporanea sia un terreno privilegiato per la ricerca, la sperimentazione e la riflessione critica sui più importanti temi della contemporaneità: valori che appartengono da oltre 140 anni alla cultura d’impresa di Pirelli, che è Socio Fondatore e Promotore di Fondazione HangarBicocca.

La programmazione artistica del 2014, curata dal Direttore Artistico Vicente Todolí e dal curatore Andrea Lissoni, ha presentato in HangarBicocca artisti di grande profilo internazionale, alternando mostre personali di nomi molto affermati con esposizioni di artisti emergenti. La programmazione è riuscita ad attrarre un pubblico italiano e internazionale composto da esperti d’arte, rappresentanti delle più importanti istituzioni museali, giornalisti di settore e della stampa generalista, accanto a un altrettanto vasto pubblico di appassionati, famiglie e studenti. Nel corso dell’anno si è registrata un’affluenza totale di 200.000 visitatori.

Sei le mostre realizzate nel 2014:

  • Dieter Roth, Björn Roth. Islands;
  • Micol Assaël. ILIOKATAKINIOMUMASTILOPSARODIMAKOPIOTITA;
  • Cildo Meireles. Installations;
  • Gusmão & Paiva. Papagaio;
  • Joan Jonas. Light Time Tales;
  • Céline Condorelli. bau bau.

La vocazione di HangarBicocca è quella di luogo aperto alla città e al territorio, di istituzione che all’attività espositiva affianca una proposta di iniziative volte ad avvicinare all’arte contemporanea anche il pubblico non specializzato.

Il programma HB Public ha affiancato le mostre con un fitto calendario di eventi, visite guidate alle mostre stesse e al quartiere, proiezioni e incontri con i protagonisti dell’arte e della cultura. Nel corso dell’anno sono stati circa 70 gli eventi culturali (diurni e/o serali) che hanno coinvolto più di 5.000 visitatori in attività correlate alle mostre in corso. Particolarmente apprezzato è stato il calendario di eventi musicali, a cura di Pedro Rocha, che ha accompagnato le mostre con performance e live musicali di artisti internazionali all’interno degli spazi espositivi.

Per i più giovani, HangarBicocca ha creato il programma HB Kids che propone attività creative e laboratoriali per avvicinare i bambini dai 4 ai 14 anni ai linguaggi dell’arte contemporanea: nel 2014 il Dipartimento educativo ha offerto 150 percorsi creativi e 40 proiezioni, a cui hanno partecipato circa 3.000 bambini, più della metà dei quali di età compresa tra i 4 e i 6 anni. Per gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado HangarBicocca ha concepito il programma HB School, che integra la tradizionale didattica dell’arte con una metodologia ispirata al principio di educare con l’arte. Nel 2014 oltre 4.800 studenti hanno preso parte alle attività HB School.

Tra il 2013 e il 2014 HangarBicocca ha ulteriormente rafforzato i rapporti con le più importanti istituzioni museali internazionali e con gli organi culturali ufficiali di numerosi paesi. Tra questi: MoMa di New York, Stedelijk Museum di Amsterdam, MACBA di Barcellona, Museo Reina Sofía di Madrid, Camnden Arts Center di Londra, Van Abbemuseum di Endhoven, MIT di Boston, Louvre di Parigi.

L’attività di HangarBicocca muove fra l’altro un significativo indotto lavorativo: nel 2014 la realizzazione delle mostre e delle principali iniziative ha coinvolto 36 aziende e generato 9.900 giornate/uomo di lavoro.